LA MERENDA VA SCELTA BENE!

In questi giorni, in seguito al passaggio televisivo di una geniale, seppur discutibile, pubblicità  è tornato alla ribalta il tema delle merende e alcuni mi hanno chiesto quale sia quella più adatta per un bambino che frequenta le elementari.

 

E’ inoltre imminente l’inizio della scuola e pensare a cosa dare ai nostri figli da portarsi per lo spuntino di metà mattina è un quesito che in molti ci poniamo.

 

Innanzitutto dobbiamo chiarire che cos’è uno spuntino.

 

E’ sicuramente una carica energetica che permette ai nostri bimbi di affrontare meglio gli impegni previsti tra i vari pasti principali.

Non è sicuramente un pasto vero e proprio e per questo non deve apportare eccessivi grassi e calorie che potrebbero causare un calo della fame a pranzo o a cena compromettendo così l’apporto e la distribuzione energetica della giornata

Dovrebbe fornire i nutrienti essenziali per la crescita e la salute.

Infine oltre ad essere una pausa è per alcuni un vero e proprio appuntamento con un po’ di svago e relax.

Quanta energia deve fornire?

 

E’ risaputo che la ripartizione più corretta dell’energia durante la giornata dovrebbe essere in 3 pasti principali (colazione, pranzo e cena) e due spuntini (metà mattina e metà pomeriggio) con la seguente suddivisione calorica:

 

20% colazione

10% spuntino metà mattina

35% pranzo

10% merenda del pomeriggio

25% cena

 

Poiché la composizione nutrizionale della merenda è assai importante è fondamentale programmarla in modo che il bimbo non smangiucchi le prime cose che capitano in maniera assolutamente disordinata.

Se vogliamo riassumere in alcune righe che caratteristiche dovrebbe avere una merenda io direi che:

 

Deve essere composta da zuccheri a rapido assorbimento che si trovano nella frutta con l’aggiunta di carboidrati complessi ad assorbimento più lento, contenuti in pane, biscotti e cereali meglio se integrali e più ricchi di fibre

 

Deve prevedere il consumo di frutta di stagione variando il più possibile i colori, perché ad ogni colore corrisponde un determinato tipo di micronutriente.

 

Può contenere anche latte e derivati, ricchi di minerali tra i quali il calcio.

 

Non deve superare il 5-10% delle calorie totali del fabbisogno previsto dai Larn per l’età di riferimento quindi indicativamente dalle 80/160 kcal.

tag="merenda"

 

Una bella idea potrebbe essere fare, quando si è a casa, merenda con i propri figli.

La distribuzione in 5 pasti infatti è molto consigliata anche per gli adulti!

Gli spuntini aiutano ad evitare i “fuori-pasto”, cioè il consumo frequente di cibi extra, spesso poco salutari, che sono una delle cause del sovrappeso.

Aiutano inoltre l’attività del metabolismo, ovvero la capacità dell’organismo di utilizzare l’energia fornita dal cibo evitando così di accumularla.

 

Precedente Menù scolastico: vi racconto come nasce. Successivo Obesity Day 2017: eventi in programma