FESTE di NATALE: GESTIRLE AL MEGLIO PER NON INGRASSARE

Manca poco più di un mese a Natale, la festa più attesa e importante dell’anno, occasione irrinunciabile per riunire la propria famiglia, per incontrare amici e per festeggiare insieme davanti ad una ricca tavola imbandita. Purtroppo però chi segue per motivi estetici o di salute un programma dietetico spesso vive questo momento con ansia. Il timore è quello di mandare all’aria i sacrifici e i risultati raggiunti.

Ma questo non deve succedere per forza! E allora vediamo insieme come evitarlo.

RICORDATE CHE NON SI INGRASSA DA NATALE A CAPODANNO MA DA CAPODANNO A NATALE.

Questa frase mi piace molto. Se abbiamo lavorato bene, se abbiamo imparato quali sono le buone abitudini alimentari da seguire quotidianamente, se facciamo regolarmente un pochino di attività fisica, le feste natalizie non necessariamente faranno dei danni.

QUANTE CALORIE HA UN MENU’ DI NATALE?

Ovviamente questo dato è variabile ma, se vogliamo comunque fare un esempio, ecco di seguito un menù tipo con indicate le calorie a porzione:

verdura fritta di antipasto – 250 kcal circa

ravioli di magro al ragù – 579 kcal circa

patate arrosto – 274 kcal circa

arrosto – 250 kcal a porzione

pandoro o panettone – 410 kcal circa

vino – 100 kcal circa

frutta secca – 132 kcal (20g)

Totali 1995 kcal

Mediamente un uomo di 70 kg ha un fabbisogno giornaliero di circa 2400 kcal, una donna di circa 1900.

Considerando che nella stessa giornata si faccia una piccola colazione (latte e 3 biscotti) da circa 200 kcal e una cena altrettanto leggera (ad esempio passato di verdura leggero con crostini di pane) da circa 220 kcal, si arriva ad un totale di calorie introdotte di 2415. Questo valore è perfettamente allineato con i fabbisogni e, anche nel caso di una donna che ha un metabolismo più basso, il surplus energetico sarebbe di sole 420 kcal che non possono certo determinare un incremento ponderale, neanche di 1 kg.

QUINDI, ANCHE GODENDOSI A PIENO IL PRANZO DI NATALE, NON SI INGRASSA.

Non solo, ma se questo introito aggiuntivo di 400 kcal si protraesse anche nei giorni di Santo Stefano e Capodanno, comunque 1200 kcal non sarebbero sufficienti a farci ingrassare più chili.

Ma allora dove sta il problema?

Purtroppo spesso non ci si limita al pranzo di Natale ma cene, aperitivi e eccessi di vario genere si susseguono per 15 giorni determinando così un introito calorico molto più alto di quello stimato sopra.

E ALLORA COME POSSIAMO FARE IN MODO CHE QUESTO NON ACCADA?

Per prima cosa programmiamo bene gli impegni con parenti e amici in modo da non strafare.

Tolte le feste comandate, negli altri giorni cerchiamo di rispettare fedelmente il nostro piano alimentare e ad ogni modo di essere ligi alle buone abitudini.

Cerchiamo di muoverci il più possibile. Considerate che 1 ora di camminata fa bruciare circa 300 kcal e 1 ora di corsa il doppio.

Se proprio siamo costretti ad adempiere agli impegni gastronomici ricordiamo che anche fuori casa si può comunque rispettare la dieta. Basta scegliere gli alimenti giusti. Se al ristorante scegliamo un pesce alla griglia con un insalata, oppure un primo piatto, evitiamo antipasti particolarmente farciti, pane, grissini, crackers, non facciamo nessun danno alla dieta.

Se partecipiamo ad un aperitivo considerate che 1 calice di vino ha circa 100 kcal e lo si può accompagnare con della verdura in pinzimonio o grigliata e qualche oliva senza esagerare troppo con altri cibi più elaborati.

Nei giorni non festivi evitiamo i dolci e i cibi ricchi di sale e di grassi, le bibite e gli alcolici e ricordiamo di bere sempre molta acqua.

Aiutiamoci infine con una buona tisana non zuccherata che ci dara’ una mano ad eliminare i liquidi in eccesso. Va benissimo anche il tè verde.

QUAL E’ IL NOSTRO OBIETTIVO?

Sicuramente non ingrassare! Non necessariamente dobbiamo perdere peso. Possiamo porci l’obiettivo di rimanere uguali a prima delle feste. Viviamoci comunque questo periodo con assoluta serenità. Se siamo consapevoli di quello che facciamo, compiamo le scelte alimentari giuste ed impariamo a gestire gli eccessi recuperando dove possiamo, facendo più attività fisica o stando più leggeri al pasto successivo non manderemo in fumo i nostri sacrifici!

Precedente ZUCCA: un ortaggio da Paura!!!